Wave Market - Mercato creativo a Roma

Blog

Paul Mellidi

 

Cosa hanno in comune un sincero amore per l’illustrazione con una grande passione per il mare e uno sport come il surf? A raccontarcelo è il prossimo ospite di Baby Bloomers che andremo a presentarvi.

Un percorso non lineare, un connubio di interessi tutt’altro che banale e un’immensa passione per le onde lo hanno portato a sviluppare illustrazioni dal gusto decisamente surreale, ricercato e ironico.

Al Wave Market un meritevole rappresentante della Surf Art! Scopriamo di più su Paul Mellidi!

Innanzi tutto grazie per questo tempo che ci stai dedicando! Ci diresti qualcosa di più a proposito di chi è Paul Mellidi?

Dicono che sia un Graphic Designer e Illustratore innamorato della vita. Per me è semplicemente un ragazzo felice per essere riuscito a mantenere una promessa fatta più di 20 anni fa a se stesso.

Il tuo stile è genuino e frizzante, nei tuoi lavori la realtà è continuamente ribaltata da giochi di parole seguendo spesso ragionamenti divergenti. Qual è il tuo maestro di riferimento, la fonte d’ispirazione che senti di dover ringraziare?

Se parliamo di maestri nell’arte direi che Salvator Dalì è stato quello che, maggiormente, mi ha educato nel “non vedere” la realtà per come gli altri vorrebbero tu la vedessi. Ma in generale sono molto attento a tutto ciò che mi circonda... comprese le parole, con le quali come hai detto, cerco di giocare il più possibile.

Un altro tuo grande amore è da sempre il mare e il connubio tra onde e illustrazioni ti ha posizionato tra i più degni rappresentanti della “Surf Art”. Ti andrebbe di dirci di più a proposito di questo binomio e di questa particolare “corrente” artistica?

Il Mare è la mia vita. Pratico qualsiasi cosa si possa fare in esso, dal surf all’apnea fino al viverlo in barca o alla sua semplice contemplazione. Lui è il mio amico e il mio nemico allo stesso tempo. Forse tornando alla domanda di prima posso dirti che è lui la mia fonte di ispirazione continua sia come illustratore che come persona, gli devo molto e quindi cerco di ripagarlo nel mio piccolo ponendolo al centro delle mie illustrazioni.

Da qui il passo alla surf art è stato breve, sono stato invitato per 3 anni consecutivi al Surf Expo (la più grande manifestazione del settore in Italia) per esporvi i miei lavori. Manifestazione che mi ha permesso di lavorare con e per nomi importanti nel mondo del surf dandomi anche la possibilità conoscere altri bravissimi amici e talentuosi esponenti di questa piccolissima corrente al quale, solo dopo ho scoperto di appartenere.

Ci racconteresti di un’illustrazione, tra quelle che tu hai realizzato, che ti sta particolarmente a cuore e ha un significato per te importante?

In generale tutte le mie illustrazioni hanno un significato, sia pur solo per me.

Ma si, nello specifico ne ho una a cui sono legato molto, in cui ritraggo un delfino crocifisso e una persona inginocchiata sotto di lui con la quale volevo sottolineare che la natura/mare paga continuamente per i nostri peccati. Peccati i quali prima o poi noi tutti saremo chiamati a chiedere perdono.

Come pensi s’inserisca una mostra d’illustrazione all’interno di una manifestazione come Wave Market?

Che dire, io metto due zollette di illustrazione nel primo caffè della giornata , quindi figurati come posso sposare io questa idea ;-)

Qualche anteprima a proposito dei lavori che esporrai alla mostra?

Mah che dirti, saranno delle illustrazioni al sapore di frutta, ortaggi e proverbi.

Ringraziamo infinitamente Paul per queste quattro chiacchiere e perché porterà al Wave Market Fest un po’ di questa fresca corrente che è la Surf Art! Non vediamo l’ora di esserne travolti il 17 e 18 dicembre!

Testo: Chiara Pucci Piccone