Wave Market
Festival dell'artigianato e della creatività
1.jpg

Ente Regionale RomaNatura

Event Design

 

Cliente: Ente Regionale RomaNatura

Nome progetto: Wave Food Fest

Data: Giugno - Settembre 2018

Location: Casa del Mare, Lido di Ostia

Servizi: Event design & Environmental design

 

Wave Food Fest

Nell’estate 2018, abbiamo realizzato per l’Ente Regionale RomaNatura all’interno della Casa del Mare, polo museale dell’Area Marina Protetta delle Secche di Tor Paterno, un’edizione trimestrale di Wave Food Fest.

Wave Food Fest è un progetto nato per celebrare la passione per le cose buone e il gusto di stare insieme. Al festival partecipano artigiani gastronomici, chef e imprenditori del gusto selezionati tenendo conto di pochi semplici criteri: genuinità, passione e rispetto per l’ambiente. Un’esperienza multisensoriale, da vivere in compagnia, per assaporare sapori genuini, riscoprire il piacere di profumi antichi, lasciarsi guidare da mani esperte alla scoperta dell’universo che c’è dietro ciò che arriva sulle nostre tavole.

Ente Regionale RomaNatura

RomaNatura è l’Ente Regionale per la Gestione del Sistema delle Aree Naturali Protette nel Comune di Roma. Attualmente gestisce oltre 16.000 ettari di natura protetta, come preesistenze archeologiche, monumenti, ville e casali, nicchie ecologiche, tra cui anche la riserva marina delle Secche di Tor Paterno. Molte riserve naturali conservano quella vocazione agricola che rende, a tutt’oggi, il Comune di Roma il primo comune agricolo d’Italia

 
 

Storytelling Casa del Mare

 

Ci sono posti in cui il tempo sembra essere rimasto sospeso.

Al Borghetto dei Pescatori di Ostia si è fermato agli anni ’30, quando le capanne di legno diventavano piano piano case di cemento.

La Casa del Mare sorge lì vicino, sull’altra sponda del canale. Una nave fantasma che sfugge anche agli occhi di chi è abituato a vedere il profilo del litorale.

Nata inizialmente come alloggio del personale che aveva il compito di eseguire la manutenzione e il drenaggio del canale, la struttura è oggi destinata all’Area Marina Protetta delle Secche di Tor Paterno, un’isola di biodiversità sommersa a pochi miglia dalla costa.

Verdeacqua e luminosa, con le finestre a oblò, è dotata di ampie sale in cui si svolgono le attività di divulgazione scientifica e promozione culturale.

 
 
wavenext
wavenext
 
 
 
 
wavenext
 

Event Design — Wave Food Fest

 

PROGETTAZIONE SPAZI

GIARDINAGGIO

1.jpg
 
wave next
 
wavenext
 

VISUAL IDENTITY

Illustrazioni — Marialaura Fedi

 
wavenext
 
wavenext
 
 

Gastronomia

 
wavefoodfest167.jpg
 
 

Pop Up Shop

wavenext
 
 
 
wavenext
 
wavenext
 

Esposizioni

AGNES - CECILE — Oltremare

Silvia Pelissero è una pittrice che lavora a Roma, conosciuta con il nome di agnes cecile, dipinge immagini che rispecchiano emozioni e sensazioni che provengo dalla profondità di ognuno di noi. Nella sua pittura usa spesso gli elementi naturali in correlazione ai comportamenti umani, usando questa affinità tra uomo e natura come metafora.

agnes cecile dipinge da sempre principalmente ad acquerello, nasce con questa tecnica e ne usa le caratteristiche anche con altri mezzi, come l'acrilico.

Nei suoi dipinti l'acqua scorre e si muove, lei la segue e ne osserva i movimenti.

L'elemento dell'acqua nella sua tecnica è la variabile incontrollabile per cui ogni immagine può uscire unica e inaspettata, l'acqua diventa un mezzo per esprimersi liberamente, si è costretti a perdere i propri vincoli affidandosi a lei.

L'elemento diventa simbolo di trasparenza, forza, violenza, incontrollabilità, racconta gli stati più profondi della psiche.
In questa esposizione sono raccolti alcuni dei suoi lavori più simbolici sul tema dell'acqua, dei mari e degli oceani, e di come l'artista comunica riflettendosi in essi.

wavenext
 
 
wavenext
 
wavenext
 
 

Plastik è un lavoro ispirato alla Garbage Island nell’Oceano Pacifico. Le foto sono il risultato di una performance durante la quale diverse persone hanno masticato oggetti di plastica.

L’idea della performance è nata con la volontà di mostrare un processo che avviene quotidianamente ma eliminando il passaggio di mezzo, quello di mangiare il pesce. L’accumulo di materiali plastici nell’Oceano porta gli uccelli ed i pesci ad ingerirli ed assorbirli e noi cibandoci di essi mangiamo plastica senza esserne del tutto consapevoli.

Qualche dato sull’Isola di Plastica:

L'hanno chiamata "Great Pacific Garbage Patch" (GPGP), o anche "trash vortex". L'area, grande tre volte la Francia, è occupata da circa 80mila tonnellate di rifiuti, per la maggior parte di materiale plastico (polietilene e polipropilene), portate dalle correnti del Pacifico tra le isole Hawaii e la California. Un ammasso indistinguibile di reti da pesca, bottiglie, tappi, cassette, imballaggi. L'8% è costituito da microplastiche.

wavenext
 
10.jpg
wavenext
 
wavenext
 

SECCHE DI TOR PATERNO

Le Secche di Tor Paterno sono costituite da una formazione rocciosa, coperta da organismi animali e vegetali che, scavando o costruendo le loro “tane” nel corso dei secoli, ne hanno modificato la forma. Si presentano come una vera e propria isola sul fondo del mare, in un ampio “deserto” di sabbia e fango.

La profondità massima è di circa 60 metri mentre la sommità della “montagna” giunge a 18 metri sotto il livello del mare. Nulla emerge dall’acqua, né è normalmente visibile dalla superficie. Le condizioni di torbidità, assai variabili, sono legate agli improvvisi mutamenti del regime delle correnti, causati dalla vicinanza con il delta del Tevere. E proprio il fiume offre un importante contributo per lo sviluppo della vegetazione marina, ed è responsabile della alta “produttività ecologica” della zona: difatti, sulle Secche si concentra una sorprendente quantità di vita animale e vegetale.

La sommità del banco roccioso è popolata dalla Posidonia oceanica che qui vive fino a circa 25 metri di profondità.

Più in profondità si trovano interessanti colonie di celenterati, stretti parenti del corallo, come la bellissima Gorgonia rossa e gli Alcionari, rarissimi altrove. Uno studio di pochi anni fa attesta la presenza di Gerardia savaglia, un raro celenterato noto come “Corallo nero”. Sono numerose le specie di pesci, sia di fondale, come la Murena, il Gronco, e la Rana pescatrice, che di acque libere, come la Spigola, il Cefalo, l’Occhiata, il Sarago. In superficie, in alcune stagioni, non è difficile avvistare i delfini.

Il 29 novembre 2000, il Ministero dell’Ambiente ha dichiarato la zona delle Secche di Tor Paterno “Area Marina Protetta”, affidandone la gestione a RomaNatura.

Questa è l’unica Area Marina Protetta in Italia ad essere completamente sommersa e a non includere alcun tratto di costa.

website +

wavenext
 
 
 
wavenext
 
wavenext
 
 
 

Grazie!